I Social network per il Wedding: non solo Facebook e Instagram

La mattinata è iniziata con un’introduzione generale sulle potenzialità del Digital Marketing per il settore wedding B2B e B2C, contornata da alcune informazioni sull’utilizzo dei Social nel 2018 ricavate dal Global Digital Report 2018. Dall’analisi di tale report è emerso che il numero di utenti di Facebook e Youtube è in continua crescita, insieme alle piattaforme di messaggistica istantanea (Whatsapp, Facebook Messenger e WeChat in primis) e di Instagram, soprattutto per la fascia di età 18-24.

YouTube e Facebook

YouTube è diventato in Italia il Social più utilizzato, grazie sia al numero crescente di youtubers presenti sul canale di Google, sia al crescente investimento da parte di molte aziende nella creazione di contenuti video. Questo dato non è assolutamente casuale, ma figlio della crescente importanza che tali contenuti stanno accrescendo nel panorama dei Social in generale: basta pensare al fatto che Facebook non solo premia l’upload e la condivisione di video aumentando le percentuali di engagement, ma mette a disposizione dell’utente strumenti come lo Slideshow Creator per realizzare contenuti video senza essere editor professionisti.

Instagram per il wedding

La pagina Instagram sta diventando il biglietto da visita di ogni azienda: con pochi scroll l’utente è capace, visualizzando la gallery, di farsi un’idea della filosofia e della mission aziendale. Instagram non è solo il social dell’immediato, del qui ed ora, ma permette, grazie all’utilizzo degli hashtag, una crescita organica della propria fanbase di gran lunga superiore a qualsiasi altro canale. Non dimentichiamoci anche le potenzialità delle Storie per aumentare l’engagement con i propri Fan.

Pinterest

Abbiamo accennato anche alle potenzialità di Pinterest, che, soprattutto all’estero, viene spesso utilizzato dalle future spose con la creazione di Bacheche e Pin specifici per il loro giorno speciale. Pinterest Lens è uno degli strumenti tra i più validi ed evoluti per il Visual Research: la nostra previsione è che nei prossimi anni possa diventare anche un valido strumento su cui investire per aumentare l’indicizzazione delle proprie immagini.

Come curare e strutturare i contenuti di un sito web

Nel pomeriggio è stato affrontato uno degli argomenti che ancora oggi è altamente sottovalutato quando si parla di siti web: quali contenuti curare per il proprio sito web non solo per l’utente, ma anche per i motori di ricerca. Molte volte i clienti trascurano questo aspetto, pensando che i testi di un sito facciano da cornice alle immagini e non il contrario.

Oggi più che mai i motori di ricerca premiano contenuti originali, utili, strutturati, chiari e coerenti, che permettano ad ogni azienda di farsi trovare nel web: i criteri specifici con cui sviluppiamo ogni giorno i nostri siti web sono solo un punto di partenza per creare un’architettura coerente con il proprio brand e con gli obiettivi prefissati.

I testi in un sito: partire dal perché per arrivare al cosa

I testi sono ancora oggi la parte più importante in un sito web se parliamo di indicizzazione e motori di ricerca: inserire in ogni pagina le keyword opportune e i giusti headline è un fattore imprescindibile per strutturare tali contenuti in maniera coerente ed efficace.

Nel 90% dei siti web ancora oggi vediamo elencati una serie di servizi o prodotti che puntano a dire cosa un’azienda fa o vende, senza mai evidenziare il perché lo faccia, senza mai rispondere alle reali domande ed esigenze dell’utente. Coniugare il perchè, il come e il cosa non è mai semplice e banale, soprattutto se parliamo di servizi come quelli legati all’organizzazione di un matrimonio o di un evento.

Per questo occorre sempre analizzare quali sono i servizi specifici legati al brand e partire da ogni particolare per arrivare a costruire un’architettura efficiente dei contenuti.

Le immagini e i video per il proprio sito: ottimizzati ed emozionali

“Ma quante immagini devo mettere sul mio sito? Di che grandezza devono essere? Posso mettere una pagina con una Gallery?”. Queste sono alcune delle domande che vengono poste dai clienti quando devono scegliere quali immagini inserire sul proprio sito. Anche in questo caso, si parte sempre da cosa inserire e mai dal perchè o dal come: sicuramente è giusto trovare il compromesso corretto fra buona qualità e velocità di caricamento da parte dei browser desktop e mobile, ottimizzando e comprimendo le immagini sia lato desktop che CMS e dando la precedenza a contenuti emozionali in linea con proprio core business.

Anche per i video valgono le stesse regole delle immagini: implementateli dal vostro canale YouTube o Vimeo per velocizzarne il caricamento (soprattutto da mobile) e curatene sempre di più i contenuti, dal momento che entro il 2021 l’80% dei contenuti web saranno video!

Scarica le slide

Scarica le slide

Inserisci la tua email per scaricare le slide del corso. Garantendo il rispetto per la privacy, il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà condiviso.

Vuoi condividere con noi le tue idee?
Siamo qui per ascoltarti